Guida alle risorse web dedicate alla salute della donna      
       Home      |       Forum    |       Guestbook       |       Chat      |       Newsletter      |       Chi siamo

 

Web Directory

 

Pi¨ di 2500 links, a siti web mondiali e a documenti scientifici

 

News

 

Articoli selezionati dalle migliori riviste full-text on line

 

Farmaci

 

Banche dati, prontuari, farmaci in gravidanza

 

Percorso non medici

 

Schede divulgative salute della donna e gravidanza

 

Immagini

 

Atlanti, immagini, video

 

Riviste e libri on line

 

Riviste ostetricia e ginecologia, medicina generale, full-text on line, libri, trattati

 

SocietÓ Scientifiche

 

Italiane, estere

 

Congressi

 

Italiani, esteri, links

 

Evidence Based Medicine

 

Risorse web

 

Segnalazione siti web 

 

Siti web professionali e divulgativi salute della donna, gravidanza, medicina

 

Calcolatori 

 

gravidanza,
ginecologia, 
medicina generale

 

 

 

Esami di laboratorio

Medicina legale

Ginecologie

Ricerca bibliografica

UniversitÓ

Libri divulgativi

Assicurazioni

Concorsi

ECM

Associazioni pazienti

Convegni per pazienti

Tutela della gravidanza

Tempo libero

Traduzioni on line

 

Sezione schede divulgative

| Ritorna all'indice | links |

 

 

 

PLACENTA PREVIA

 

Autore: Dr. Monti Massimiliano

 

 

 

Si definisce placenta previa una placenta che prende contatto con la parete uterina in una zona "anomala" ovvero al livello del "segmento uterino inferiore".

Tale parte costituisce il terzo inferiore della cavitÓ uterina e contiene, nella sua parte pi¨ bassa, l'orifizio del canale cervicale (canale che mette in comunicazione la cavitÓ uterina con la vagina e dal quale transiterÓ il feto durante il travaglio e il parto).

La placenta previa viene classificata a seconda della distanza che intercorre fra il bordo placentare inferiore e l'orifizio del canale cervicale (orifizio uterino interno): si parla di placenta previa centrale, quando la placenta copre completamente l'orifizio; placenta previa marginale, quando il suo bordo Ŕ situato a meno di 3 cm dall'orifizio; placenta previa laterale, quando il bordo inferiore dista pi¨ di 3 cm dall'orifizio.

 

Normalmente la placenta dovrebbe prendere contatto con la parte medio-superiore della cavitÓ uterina (denominata corpo), zona che rimane pi¨ o meno costante nella forma col procedere delle settimane di gravidanza. Al contrario il segmento uterino inferiore tende ad espandersi progressivamente durante il terzo trimestre di gravidanza ed in particolare durante il travaglio di parto.

La placenta Ŕ formata da tessuto inestensibile, che non pu˛ adattarsi alle modificazioni dei tessuti sui quali Ŕ impiantata.

E' quindi inevitabile, nel caso della placenta previa, che si verifichi un distacco dell'area di inserzione a mano a mano che il segmento uterino inferiore si espande e/o l'orifizio uterino interno si dilata.

Le modificazioni del segmento uterino inferiore si verificano, come giÓ detto, nel terzo trimestre e nel travaglio. E' quindi chiaro come il problema clinico della placenta previa sia esclusivamente legato a tali periodi.

Nel secondo trimestre la diagnosi di placenta previa Ŕ frequente: spesso la placenta migra nelle settimane successive e nel terzo trimestre risulta inserita correttamente. Altre volte rimane nella stessa posizione determinando la patologia.

 

Sintomi

L'unico sintomo della placenta previa Ŕ il sanguinamento che si verifica tipicamente nel corso del terzo trimestre di gravidanza.

Raro l'esordio prima della 26a settimana di gravidanza e limitatamente a casi di placenta previa centrale.

La perdita di sangue Ŕ di color rosso vivo e non Ŕ accompagnata da dolori. L'entitÓ della perdita Ŕ variabile: si passa da piccole perdite ripetute fino a veri e propri episodi emorragici.

 

Diagnosi

La diagnosi di placenta previa Ŕ ecografica. Le ecografie di routine della

gravidanza permettono una diagnosi certa in tutti i casi.

 

Complicanze

La placenta previa Ŕ una condizione clinica che impone una osservazione scrupolosa della paziente in regime di ricovero.

I rischi materni sono essenzialmente di tipo emorragico: perdite ematiche ripetute, con conseguente anemizzazione, oppure vere e proprie emorragie.

I rischi fetali sono legati essenzialmente alla prematuritÓ (il parto, che si attua con Taglio Cesareo, avviene quasi sempre prima dei nove mesi di gravidanza), ad una minore ossigenazione (in caso di distacchi di vaste aree placentari) ed alla perdita ematica (nel caso di lacerazioni placentari con interessamento di vasi fetali). Sono inoltre riportate presentazioni anomale fetali con pi¨ alta frequenza (feti podalici -con i piedi verso il basso-, feti trasversi -feto messo in orizzontale-).

Oggi, fortunatamente, grazie alle moderne attrezzature ospedaliere ed alla possibilitÓ di eseguire un taglio cesareo in totale sicurezza, i rischi materni sono ridotti al minimo.

Persistono invece, anche se con percentuali minori che non nel passato, alcuni rischi fetali (prematuritÓ, minore ossigenazione, perdita ematica).

 

Terapia

La terapia della placenta previa consiste in uno stretto monitoraggio clinico della paziente e del feto, con l'espletamento del Taglio Cesareo quando i sintomi indicano uno stato di pericolo imminente per l'uno o per l'altro.

 

                            

                                                               

 

 

 

 

                             GRAVIDANZA:  galleria video, directory,  forum

 


 

 

Le informazioni di tipo sanitario contenute in questa pagina non possono in alcun modo intendersi come riferite al singolo e sostitutive dell'atto medico; per i casi personali si invita sempre a consultare il proprio Curante. I contenuti di questa pagina hanno un valore puramente indicativo; il lettore deve quindi consultare altre fonti di informazione; nei dati inoltre sono sempre possibili errori e/o omissioni. L'autore non Ŕ responsabile degli effetti derivanti dall'uso di queste informazioni.

 

         Referrers       |       Motori di ricerca       |       Contatti       |       Disclaimer       |       Vota il sito              
 
 

"Ostetricia e Ginecologia on line" non Ŕ una testata giornalistica

Tutti i contenuti esposti sono da considerarsi come proprietÓ intellettuale e non possono essere

utilizzati o copiati senza l'esplicito consenso dei responsabili del sito.

 

Ottimizzato per una risoluzione 800x600

 

Ultimo aggiornamento: 31.07.04

 

   
   
om: -3"> 

Ultimo aggiornamento: 31.07.04